Arte

Arioso e sfarzoso, esuberante ma elegante, luminoso, a tratti teatrale. È lo stile unico ed inconfondibile del barocco fiorito nel Salento tra il XVII e il XVIII secolo.

Fulcro millenario di civiltà antichissime ed importante bacino d’approdo, il Salento traccia la sua storia fin dagli albori. Le sue pietre sembrano raccontarla. Masserie fortificate ed imponenti torri costiere custodiscono i travagli di una terra saccheggiata nel tempo. Costruzioni in pietra e muretti a secco, specchie e “pagghiare”, strutture megalitiche di dolmen e menhir, rinvenimenti archeologici e pitture rupestri nelle grotte lo testimoniano splendidamente. Il Salento è uno scrigno di fascino e mistero, traboccante di arte e storia, che racchiude paesaggi e città gioiello di rara bellezza.

Ogni centro storico è una sorgente di chiese barocche e palazzi baronali, case a corte e castelli, balconate particolarissime, portali e colonnati ricchi di rilievi. Famosa per la sua Cattedrale, caratterizzata dal pavimento a mosaico realizzato dal monaco Pantaleone  nel XII secolo, e dai resti degli 800 martiri decapitati dai turchi nel 1480, la città di Otranto è stata inserita tra i “Borghi più belli d’Italia”.

Una grafia ampollosa piuttosto enfatica conferisce alla “Firenze del Sud” la lussuosa effigie di bomboniera enchantée, dalle fattezze fastosamente fulgide. A ritrarre l’essenza vera di sontuosità e magnificenza tipiche del barocco, è il centro storico della città di Lecce che, tra lussi e splendori, si schiude come un bocciolo di incomparabile charme e bellezza. Vicoli caratteristici ospitano cattedrali ricamate e case signorili ingentilite da facciate complesse da intarsi.

In un gioco continuo di balconi e portali, loggiati e archetti, fregi e bifore, si percepisce nell’aria un artistico “leitmotiv”, una sinfonia di forme ed espressioni che si spande per tutta la città. Dalla magnifica Piazza Sant’Oronzo alla scenografica Piazza Duomo, dalle imponenti chiese di Sant’Irene, Santa Chiara e San Matteo alle più storiche delle Alcantarine e del Gesù, è tutto un trionfo di cornici e trabeazioni, putti e maschere che si sorridono.

Maestosa ed elegante la spettacolare Basilica di Santa Croce. Sulla facciata, padroneggiata da un mirabile rosone, aleggia deliziosa una creatività sfrenata di pinnacoli e cariatidi, telamoni e guglie d’angeli, colonne tortili, balaustre a trafori e frontoni ricurvi. Un’elegia suadente che, appena scesa la notte, riluce come una rosa tinta in oro appena sbocciata.

Galleria immagini

View the embedded image gallery online at:
http://www.salentomonamour.com/arte.html#sigProGalleriab548bcf922