Natale nel Salento - presepi, mercatini e fiere

Ha l'aria affascinante, avvolgente, magica, ma soprattutto è ancora capace di accendere e scaldare il cuore di tutti. Da sempre il Natale è la festa più sentita ed attesa dell'anno. Un'aria che nelle diverse città del Salento, tinte per l'occasione di addobbi ridondanti ed abeti grondi di luci e fili d'angelo, regala un'atmosfera di pace e serenità, quasi fatata. E mentre per le strade e nelle piazze, i negozi illuminati a festa, le fiere e gli eventi, i giocolieri ed i profumi di dolci e zucchero, fanno pensare esclusivamente ad un gran momento di energia e spensieratezza; nelle case e soprattutto nei cuori dei salentini aleggia costante la fede e la speranza di quella pace, di quell'amore e quella gioia di vivere che nascono proprio nella notte di Natale e che ogni anno si rinnovano nel segno e nel sogno di una vita migliore per l'umanità e per l'uomo, fatta della magia della famiglia, del noi due e del noi tutti.

La Natività e il Presepe nel Salento

La tradizione del Presepe nel Salento ha radici mistiche per quanti credono alla leggenda secondo la quale San Francesco d'Assisi, di ritorno dalla Terra Santa, approdò ad Otranto a causa di una tempesta, nell'inverno del 1219. Il Santo di Assisi trovò ospitalità in una dimora di frati e fu qui che ebbe l'ispirazione per ciò che sarebbe accaduto nel 1223 a Greccio quando, in una grotta in cima a una collina, allestì la più suggestiva delle Natività viventi. Un rito comparso nel Salento sotto la fioritura della statuaria in pietra. Nuzzo Barba da Galatina nel 1484 e il leccese Gabriele Riccardi, autore del presepe del Duomo di Lecce, ne furono i precursori. Da allora, si sono alternati stili, materiali e mestieri, ma la tradizione presepiale nel Salento resta immutata nel suo cerimoniale collettivo in cui si esaltano le lavorazioni degli artigiani locali.

I Presepi Viventi nel Salento

Caratterizzati da un percorso a piedi che permette di rivivere e riscoprire le antiche tradizioni ed i mestieri che hanno contrassegnato l'epoca in cui nacque il Bambinello, vengono realizzati prevalentemente nei centri storici dei borghi antichi, nelle cave e sui promontori delle Murge salentine. Il cammino, dall'atmosfera suggestiva e magica, si mescola alle dolci arie dei canti di Natale eseguite spesso dal vivo, e conduce alla grotta di Betlemme in una festa continua di luci, colori e suoni dati dai fragori e le gesta dei figuranti in costume. Tra i più importanti e particolari, sono da visitare il presepe in collina di Tricase, il presepe medievale di Castro, il presepe nell'agrumeto di Maglie, il presepe nella grotta della serra di Alliste ed il presepe degli animali di Calimera.

I Presepi Monumentali ed i Presepi Artigianali e Artistici nel Salento

Esposti soprattutto nelle chiese delle diverse città della provincia salentina, sono realizzati prevalentemente in cartapesta e terracotta secondo le più antiche tecniche di lavorazione che gli artigiani locali, come tradizione insegna, tramandano di generazione in generazione. L'ambiente riprodotto è quello rurale tipico salentino con alberi di ulivo, muretti a secco, piante specifiche della macchia mediterranea. Da visitare, il presepe nell'Anfiteatro romano a Lecce, il presepe in movimento a Novoli e il presepe permanente a Salice Salentino.

Mercatini, Fiere e Mostre di Natale nel Salento

Il Natale nel Salento si vive anche attraverso le fiere, le mostre ed i mercatini che numerosi vengono organizzati su tutto il territorio, ideali per acquistare un nuovo "pupo" o la novità dell'anno.Da non perdere a Lecce, la Mostra del Presepio e la Fiera di Santa Lucia.