Natura

La luce è fulgida e radiosa, il cielo è terso, l'aria dolce e accogliente. Una brezza soffia sempre, oscillando le folte chiome della macchia mediterranea e di esemplari plurisecolari di ulivi. Sugli orli delle pittoresche stradine di campagna salentine, profili di tronchi sinuosi e difformi, frutti maturati al sole, radici grosse e nodose, manti di terra rossa.

Fiera e austera, stravagante nell'aspetto e nel suo “impasto” calcareo e sassoso, la terra del Salento è un regno autentico di straordinaria bellezza. Con oltre 2.000 Kmq di superficie e 210 Km di litorale costiero, il territorio salentino ricopre un elevato valore ambientale grazie alla sua biodiversità che ha portato alla nascita di una serie di aree protette, oasi e parchi posti sotto tutela naturalistica. In scorci davvero unici, l’anima della natura del Salento regna in un equilibrio perfetto di colori sgargianti e di profumi intensi suscitando un incanto che riconcilia con il mondo.

I luoghi sono incontaminati, i paesaggi mozzano il fiato, l’ecosistema ricco e variegato. Soprattutto nelle idi primaverili, tappeti agresti dal colore vermiglio scarlatto, prati sempreverdi ed in fiore frastagliano magicamente per tutto l’hinterland rurale salentino come un dipinto “a cielo aperto”. Ogni particolare cattura lo sguardo, la meraviglia, il cuore ed è facile perdersi, attratti dall'incredibile lucentezza dei paesaggi, tra i sentieri dell’entroterra e delle suggestioni.

Orlati da un cielo turchese, fili d'erba, piante e corolle danzano armoniosi tra il rosso dei papaveri, il verde dei fico d'india, il giallo oro degli arbusti di acacia, le mille tonalità di ranuncoli e margheritine di campo. “Ai piedi” di muretti a secco, dolmen e menhir, masserie e chiesette antiche e pagghiare dominano coltivazioni secolari di uliveti e vigneti. A picco sul mare cristallino, grotte carsiche e torri di avvistamento si stagliano con l’azzurro cobalto del cielo, ricamando tutta la costa.